Home » La Nostra Storia

La Nostra Storia

Sette Secoli di Storia

Sette Secoli di Storia - Ordine Militare di S. Brigida

 

 

L'Ordine Militare del Santissimo Salvatore di Santa Brigida di Svezia è uno degli Ordini Religiosi Cavallereschi più antichi, stabilito in Svezia da Santa Brigida nel  1366 per difendere il giovane Regno Svedese e la religione Cattolica Apostolica Romana contro le scorrerie dei popoli  pagani provenienti dalla regione russa orientale.

 I Cavalieri di quest’Ordine, che fu approvato da papa Urbano V, portavano una croce azzurra a otto punte, simile a quella dei cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, dove in fondo alla croce v’era una lingua di fuoco, a significare che i cavalieri di quest’Ordine dovevano eccellere nella carità verso il prossimo. La loro principale obbligazione era quella di seppellire i morti, e di proteggere le vedove e gli orfani.

La stessa Santa dette la regola e la tradizione vuole che il primo cavaliere fosse stato suo figlio Karl, morto a Napoli  giovanissimo alla fine del 1300. L’Ordine, con la penetrazione protestante luterana nei paesi baltici e scandinavi, si affievolì, e dal XVI secolo al XIX calò l’oblio sull’Ordine Militare del Santissimo Salvatore.

Ma nel 1859 si riunirono, presso la Chiesa del Santissimo Salvatore a Capua, per la restaurazione dell’Ordine,  intorno alla carismatica figura del Conte Vincenzo Abbate de Castello d'Orleans,  numerosi patrizi campani, tra cui possiamo annoverare: Principe Francesco de Tocci, Principe Pignatelli,Principe Gaspare Pietro Pierangeli , Angelo Flavio Comneno Principe Ruffo, Patrizio Coppola, Principe Carrafa, Nobile Guindazzo, Barone di Trentanova, Conte Caracciolo, Principe Filomarino, Principe di Sanseverino, Principe Angelis di Bitetto, Duca Alliata di Saponara, Marchese di Altavilla, Marchese Beccadelli di Bologna, Duca di Adragna, Barone Galluppi, Barone di Pancaldo, Principe di Paternò Moncada, Principe di Monteforte e Soria, Barone di Raimone Palizzolo Gravina, Principe di Spadafora, Marchese Policastrello, Marchese de Rahno, Conte Statella, Marchese Cavalcanti, Marchese Bisogni, Conte Capogrossi-Guarna (dagli atti notarili, dai libri del Comm. Fenicia del 1862 e del Marchese Bisogni del 1950).

In una seconda riunione fu stabilito che la sede magistrale fosse Capua, dove dovevano svolgersi le cerimonie ufficiali: nel giorno della Purificazione della Vergine e nel dies natalis di Santa Brigida. In una terza furono delineati gli scopi dell’Ordine e la sua Regola. In una quarta, tenuta nel giorno della traslazione del corpo di Santa Brigida, fu stabilito che l’Ordine fosse aperto solo ai nobili, salvo deroghe particolari. Ritornò come stendardo la gran Croce ad otto punte, d’azzurro, con la fiamma simboleggiante l’ardore della Milizia. Fu stabilito che i cavalieri partecipassero alle celebrazioni religiose con mantello grigio con collo azzurro, e la croce dell’Ordine sia sul mantello sia sul collo.

L’antico cerimoniale d’investitura, dettato dalla Santa, fu ripristinato. I titoli dei confratelli furono allora dichiarati ereditari, per la continuità dell’Ordine. Terminati i lavori, l’Ordine ebbe l’approvazione canonica e legale dal cardinale Giuseppe Cosenza, arcivescovo di Capua e controfirmato da S.M. Francesco II ° sovrano del Regno delle Due Sicilie.

Nel 1959, su istanza del Ministero degli Esteri, la Corte Suprema di Cassazione riconosce definitivamente l’Ordine come “Ordine non Nazionale” con le stesse prerogative dell’Ordine di Malta.(sentenza n°1624 del 1959). 

L'Ordine negli antichi testi

L'Ordine negli antichi testi - Ordine Militare di S. Brigida

 

Figura 1  Frontespizio di un antico testo : "Historia cronologiche dell’origine Degl’ Ordini Militari e di tutte le religioni cavalleresche, infino ad hora istituite nel mondo" Vol. II°. Opera dell’Abbate Bernardo Giustinian (cavaliere di gran croce nell’Ordine Imperiale di San Giorgio) dato in Venezia presso Combi, & LàNou’ MDCXII AD.

Nelle  pagine 685,686,687, vengono  riportate : La storia, l'anno di nascita, le insegne, e le prerogative dell'Ordine Militare del Santissimo Salvatore di Santa Brigida di Svezia.

 

 

 

 


 

 

Antico Cavaliere Bricciano

Antico Cavaliere Bricciano - Ordine Militare di S. Brigida

Figura 2   Una magnifica stampa di  Eques  S. Birgittae, tratta da un antico volume " Ordinum  Equestrium & Militarium  Catalogus "  di Padre Philippo Bonanni  dato in   Romae 26 Junii 1711.

 

 

 





La nostra antichissima Arma

La nostra antichissima Arma - Ordine Militare di S. Brigida

Figura 3  La nostra nobilissima Arma tratta da una raccolta di  antiche tavole del 1567. 

La rivista ufficiale dell'Ordine "Birgittiana"

La rivista ufficiale dell'Ordine "Birgittiana" - Ordine Militare di S. Brigida

Figura 4  Una antica copia di " Birgittiana " Organo Ufficiale dell'Ordine Militare del Santissimo Salvatore e di Santa Brigida di Svezia.